banner
Centro notizie
Promettiamo di fornire prodotti di prima qualità, spedizioni puntuali e assistenza coscienziosa.

Bagnato e caldo: mostre recenti ad Austin

Jun 05, 2023

La calda e umida estate di Austin da Martha, dal 22 luglio al 19 agosto 2023

Ogni volta che torno ad Austin, mi viene in mente cosa mi sto perdendo a Dallas. Wet Hot Austin Summer, una mostra collettiva da Martha's nel quartiere Hyde Park di Austin, si è aperta con un vivace ricevimento in abbinamento al nuovo lavoro in mostra. Le mostre collettive estive sono un modo in cui le gallerie gestiscono la prova del caldo del Texas; un gruppo di nuovi lavori di artisti invitati rinvigorisce gli spettatori durante un periodo dell'anno altrimenti afoso. In effetti, il comunicato stampa di Wet Hot Austin Summer afferma semplicemente: "Fa troppo caldo per pensare... troppo caldo per scrivere..."

Alyssa Kazew, un'artista polivalente che lavora in diversi campi distinti (fotografia, pittura e fusione di resina), ha l'artigianato più nitido che abbia mai visto da molto tempo. Mentre la traiettoria della pittura e della ceramica si è orientata verso una soggettività friabile e molle, Kazew non sacrifica la risoluzione per il pastiche. Sebbene l'affetto di Kazews sembri intenzionalmente millenario e talvolta distaccato, non sacrifica la risoluzione. Prendi le sue fotografie qui esposte, Blondes, che mostra due donne acconciate mentre si impegnano in un contatto intimo, e Scary Movie, che presenta la maschera urlante del film slasher ricoperta di farfalle. La visione di Kazew con la fotografia è magnifica.

(In alto) Alyssa Kazew, “Blondes”, 2022, stampa fotografica digitale su carta lucida, 16 x 20 pollici con cornice; (In basso) Alyssa Kazew, “Scary Movie”, stampa fotografica digitale del 2020 su carta lucida, 16 x 20 pollici con cornice

Payton McGowen, “The Island”, 2023, matita colorata e tempera su carta, 60 x 40 pollici incorniciata con vetro da museo. Foto per gentile concessione di Martha

Daniel Wang, “Dandelion”, 2023, acrilico e pastello su tela, 48 x 48 pollici. Foto per gentile concessione di Martha

****

Eamon Ore-Giron: Competing with Lightning / Rivalizando con el relámpago, al The Contemporary Austin Jones Center, 3 marzo 2023 – 20 agosto 2023

Nel dipinto Cookin' 1 di Ore-Giron, l'artista raffigura sua zia e sua cugina nell'atto di preparare l'humitas, che è un mais macinato formato in un impasto che viene cotto a vapore nelle foglie delle piante, proprio come i tamales. Le due figure hanno la pelle e i capelli che ricordano il colore del grano: un oro scuro. Stanno sopra una ciotola in una cucina, con ciuffi di nuvole che li circondano come a suggerire che sono grandi come montagne. Il compito domestico ordinario sembra sacro, a loro insaputa. La cucina è peruviana, così come alcuni degli elementi estetici di questo spettacolo. Tra le figure di Ore-Giron, dipinte in modo piatto, e le sue grandi composizioni geometriche in schemi di colori simili al deserto, l'artista fonde la narrazione di ciò che è moderno e ciò che è antico nella bellezza.

Eamon Ore-Giron, “Cookin' 1”, 2002, lattice acrilico e tempera su tela, Collezione dell'artista, Los Angeles

“Infinite Regress CLXXXVII, 2021”, pittura minerale e Flashe su lino. Courtesy l'artista e James Cohan, New York

****

Audrey Rodriguez: Tastes of Home, alla Mclennon Pen Co. Gallery, dal 16 giugno al 28 luglio 2023

Audrey Rodriguez è originaria di Port Isabel, il punto più meridionale lungo la costa del Texas, e le sue origini sono honduregne e messicane. La maggior parte dei dipinti in questa mostra raffigurano l'attuale casa di Rodriguez, New York City, anche se ci sono un paio di esempi più vicini alla patria: un ristorante in Messico e civili a Brownsville. L'argomento di Rodriguez sono le qualità dei cibi latini: i carretti che li distribuiscono, i vassoi su cui si siedono e l'ambiente che li circonda, che si tratti del loro locale di origine o di un luogo più straniero. La maggior parte di questi dipinti esaminano il cibo dall'esterno, ma un'opera, Feed the Hustle, raffigura un incrocio di New York City visto dall'interno di un carretto di cibo.

In un dipinto, Made Sterile, le banane mature siedono accanto a una maquette in miniatura di un bacino femminile. I pesticidi utilizzati nella coltivazione delle banane sono molto potenti e hanno causato problemi di salute riproduttiva alle lavoratrici che le raccolgono. In un’altra opera, Still Life with Churros on a Subway Platform, la plastica ricopre i dolci venduti nell’ambiente buio e sporco della metropolitana di New York. Nel lavoro di Rodriguez il cibo è tradizione e processo. Il cibo è anche il segno della natura soggetta agli spostamenti e ai cambiamenti della società.