banner
Centro notizie
Promettiamo di fornire prodotti di prima qualità, spedizioni puntuali e assistenza coscienziosa.

Una caccia al tesoro in Spagna ha puntato gli occhi su Emerita Resources

Jun 03, 2023

Dean Bristow

A volte il pensiero di un luogo in cui sei stato o di un'esperienza che hai vissuto (o entrambe) fa riaffiorare un ricordo molto positivo. Per me Siviglia, in Spagna, è uno di quei bellissimi ricordi. Stavamo viaggiando attraverso la Spagna con poca o nessuna pianificazione a parte alcuni luoghi chiave da visitare (come l'Alhambra di Granada, Toledo, Barcellona, ​​Madrid) quando abbiamo avuto la fortuna di arrivare a Siviglia proprio come la Feria de Abril de Sevilla (Siviglia aprile Fiera) stava cominciando. Che esplosione! Ora, ogni volta che vedo o sento un riferimento alla città di Siviglia, ho un sorriso stampato sul viso per diversi minuti o talvolta anche per ore.

Quindi, quando ho scoperto che esisteva una società mineraria con la sede centrale in Canada ma la sede centrale del team tecnico a Siviglia, in Spagna, ho capito che dovevo dare un'occhiata più da vicino. Emerita Resources Corp. (TSXV: EMO | OTCQB: EMOTF) è una società canadese di esplorazione di risorse minerarie dedicata all'acquisizione, esplorazione, ricerca e sviluppo di potenziali proprietà minerarie nella cintura di pirite iberica (IPB) con particolare attenzione ai metalli di base tradizionali ( zinco e rame) e metalli preziosi (argento e oro).

Posso onestamente dire che quando ero a Siviglia non avevo idea di essere alle porte di uno dei distretti di solfuro massiccio vulcanogenico (VMS) più produttivi al mondo, con una storia mineraria che risale all'VIII secolo a.C. un arco lungo circa 240 km e largo 35 km che si estende da Siviglia, in Spagna, a Grandola, in Portogallo. Nella regione sono stati estratti oltre 2.000 milioni di tonnellate di minerale e attualmente nella cintura sono conosciuti oltre 250 giacimenti. Alcuni di questi depositi sono piuttosto grandi come Neves-Corvo (Lundin Mining Corporation (TSX: LUN | Nasdaq Stockholm: LUMI)) a 65,1 Mt Reserves @ 10,3% ZnEq, Aguas Tenidas (Sandfire Resources Limited (ASX: SFR)) a 51,3 Riserve Mt @ 8,96% ZnEq e Las Cruces (Agnico Eagle Mines Limited (TSX: AEM | NYSE: AEM)) a 36,2 Mt Riserve @ 7,69% ZnEq.

Ma Emerita non si limita a offrire solo una questione di chiusura: hanno svolto molto lavoro sulle loro proprietà nella zona. L'Iberia Belt West Project (IBW), di 2.394,1 ettari, che comprende tre depositi polimetallici da est a ovest: La Infanta, El Cura e La Romanera è stato precedentemente esplorato da importanti società tra cui Asturiana de Zinc SA, RTZ e Phelps Dodge Corporation negli anni '70 e anni '80. Il 23 maggio 2023, la Società ha annunciato la prima stima indipendente delle risorse conforme allo standard NI 43-101 basata sui risultati delle perforazioni del programma di perforazione di delineazione delle risorse 2022-23 nei depositi di La Romanera e La Infanta. La stima delle risorse minerarie contiene un totale di 18,8 Mt, inclusa una risorsa indicata di 14,07 Mt al 7,63% ZnEq e una risorsa dedotta di 4,71 Mt al 9,29% ZnEq. Un inizio apparentemente buono, ma sembrerebbe che il mercato si aspettasse qualcosa di più dato che il titolo è sceso del 24% su un volume significativo al rilascio della notizia.

Forse è perché il giacimento Romanera è stato perforato dalla Minera Rio Tinto negli anni '90 e si dice che contenesse 34 milioni di tonnellate con una classificazione di 0,42% rame, 2,20% piombo, 2,3% zinco, 44,4 g/t argento e 0,8 g/t oro, ma questi dati non sono NI 43-101 e quindi non dovrebbero essere presi in considerazione. Tuttavia, i primi lavori di esplorazione sono recentemente iniziati a El Cura e tutti i depositi sono aperti all'espansione lungo lo strike e in profondità. Si prevede che la perforazione continuerà presso l’IBW fino al 2023 e nel 2024 puntando alla continua espansione delle risorse dell’IBW. Un altro dettaglio interessante nella stima delle risorse è che per il calcolo ZnEq, il fattore di recupero dell'oro utilizzato è stato del 20%. Sembrerebbe che se la Società riuscisse a collaborare con i suoi consulenti metallurgici per migliorare i recuperi dell'oro, ci sarebbe un'altra opportunità per qualche rialzo materiale.

Successivamente alla prima stima delle risorse, Emerita ha annunciato un paio di aggiornamenti di trivellazione di successo dal programma in corso. Il 21 giugno, Emerita ha annunciato che il foro LR146 ha intersecato 13,0 metri con una classificazione dello 0,2% in rame; 3,6% di piombo; 13,1% Zinco; 1,35 g/t di oro e 120,9 g/t di argento nella lente superiore che è stata intersecata a 580,9 metri e 22,9 metri Classificazione 0,6% rame; 2,0% di piombo; 4,8% zinco; 0,58 g/t di oro e 79,2 g/t di argento nella lente inferiore per estendere il deposito di La Romanera in profondità. Poi la scorsa settimana un altro aggiornamento includeva il foro LR151 che intersecava la lente inferiore a 662,0 metri incontrando 42,2 metri con una classificazione di rame dello 0,3%; 1,0% di piombo; 2,0% zinco; 2,44 g/t oro e 70,4 g/t argento; inclusi 7,3 metri con rame allo 0,3%; 2,0% di piombo; 2,2% zinco; 8,11 g/t di oro e 114,2 g/t di argento.